Nonostante la crisi nel 2014 l’export italiano a fine anno farà registrare un +2%, merito soprattutto del food

Mentre il nostro mercato interno continui a soffrire l’export italiano si conferma una vera e propria manna per la nostra economia, con il 2014 che a fine anno farà registrare complessivamente un +2%, il che significa circa 7 miliardi in più rispetto all’anno scorso.

Il food italiano va forte nel mondo e resta una delle grandi eccellenze del nostro export, che fa segnare ottimi risultati anche grazie al settore farmaceutico e gli elettrodomestici. Questi i dati che emergono dall’ultimo Rapporto Analisi sui settori industriali realizzato da Intesa Sanpaolo e l’associazione Prometeia.

Per quanto riguarda la filiera agroalimentare spicca Vin Service, azienda che costruisce in tutto il mondo impianti di spillatura per birra, vino e acqua, ma anche Ballarini, storica azienda mantovana fondata nel 1925, specializzata nella fabbricazione di pentolame e attrezzi da cucina in metallo; e ancora Smigroup, marchio bergamasco di impianti per il confezionamento di alimenti e bevande che l’anno scorso ha raddoppiato gli utili toccando quota 66% del fatturato con l’export. I marchi alimentari di largo consumo fanno registrare inoltre un ottimo +3,9%.

Tagged with →  
Share →